<
   
   
   
 
Vino e Camino - La Cucina
La filosofia della nostra cucina è quella di coniugare semplicità, qualità e creatività. Si parte dagli ingredienti che ovviamente sono accuratamente scelti e di qualità, sposando il più possibile la filosofia del km zero per due ragioni.
La prima è quella di sostenere le produzioni di qualità del territorio, contribuendo alla creazione di un circuito virtuoso anche economico per la zona, e di costruire una rete di qualità. In questa ottica nei nostri ristoranti trovate il pane di Canale Monterano, pane cotto in forno a legna a lievitazione naturale prodotto protetto Slow Food, i formaggi di Sergio Pitzalis, tra cui il Caciofiore di Columella, presidio Slow Food, l'olio biologico della cooperativa di Monterano, la cicoria e le erbe di campo che ancora qualche signora sa riconoscere e raccogliere, la carne delle mucche maremmane allevate libere nella macchia del comune di Bracciano, i funghi quando è stagione.
La seconda è quella di limitare l'impatto ambientale avendo ben chiaro che abbiamo un mondo solo e dobbiamo contribuire tutti a preservarlo.

Nella cucina di
Cristina è immancabile il cacio e pepe (per il quale ha ricevuto il premio ai 5 migliori del Gambero Rosso) e gli strozzapreti all'amatriciana, in omaggio alle sue origini abruzzesi. Ma lei ama anche spaziare nelle cucine di altri territori, e quindi troverete il pugliese purè di fave ma con la cicoria di campo tipicamente romana o la zucca di tradizione mantovana servita come una crema o nel risotto di farro.
Il menù inoltre varia a seconda della stagione e dell'offerta. D'inverno quindi la faranno da padrone le zuppe di porri, castagne e speck, di fagioli cotti in pentola di coccio con maltagliati fatti a mano, di ceci e baccalà o moscardini e lenticchie, d'estate il couscous con i moscardini e gli involtini di lattuga ripieni di luccio e lardo di colonnata.
Imperdibile poi per Pasqua il coscio di abbacchio al forno ripieno di carciofi. Nel ristorante di Roma poi la presenza del forno a legna permette di ampliare l'offerta. Ecco quindi il pane carasau cotto in forno a legna con capperi, olive, pomodori, mozzarella e pecorino, oppure lo stinco di vitello cotto intero su un letto di patate e funghi, la parmigiana in bianco e i pizzoccheri.
Per chi ama il pesce poi sono imperdibili le tartare di tonno o spada con avocado, i ravioloni di spigola con i pomodorini, i tagliolini con cannolicchi e zucchine o la passata di scorfano con maltagliati al nero di seppia. 

 
"Non vanno nemmeno trascurate le rivisitazioni, come la vellutata di zucchine con polpettine al sugo, riedizione delle romanissime zucchine ripiene di carne.
 
I dolci sono tutti fatti in casa.
Vi ricordiamo il millefoglie con crema chantilly e gocce di cioccolata, lo zuccotto al caffè, la bavarese di ricotta in salsa d'arance candite , la mousse di cioccolata e la crostata fatta con la vera pastafrolla friabile."
 
  Vino e Camino - Piazza dell'Oro, 6 Roma - +39 06 68301332 roma@vinoecamino.it